MUSICA DAL PALCO 

Dove la musica è solo dal vivo

CONDIVIDI IL POST CON I TUOI CONTATTI

JOVANOTTI: Ultimo concerto. La festa di fine tour (Recensione Concerto) #LorenzoCherubini #Jovanotti #LorenzoLive2018

05/07/2018

 

JOVANOTTI

Lorenzo Live 2018 – Festa di fine tour

04 Luglio 2018

Mediolanum Forum

Assago Milano

Voto: 8 (confermato)

 

di Luca Trambusti

 

LEGGI LA RECENSIONE PRIMO CONCERTO DEL TOUR 

 

La musica è finita, gli amici se ne vanno….. ma soddisfatti. Prendendo spunto da un brano di Franco Califano, si può sintetizzare così quello che è stato l’ultimo concerto di un lungo e soddisfacente tour, fatto di oltre 60 date e partito il 12 Febbraio 2018, proprio dal Mediolanum Forum di Assago Milano per concludersi nello stesso luogo.

 

Non stanco dei tanti appuntamenti live che lo hanno portato in giro per l’Italia con una coda di concerti esteri, Jovanotti ha aggiunto due date milanesi che sono così diventate 14 in totale (sempre con il palazzetto al limite della capienza). Tutto si chiude laddove era iniziato il tour ma anche nella città dove Lorenzo fece 30 anni fa il suo primo concerto.

 

 

Grande festa dunque al “salone delle feste” come è stato definito il palco del concerto, addobbato con dei sontuosi lampadari pendenti dal soffitto e che ora saranno messi all’asta per beneficenza (un oggetto in realtà un po’ ingombrante). L’asta sarà battuta sulla piattaforma CharityStars. Il ricavato andrà diviso tra le onlus individuate da Lorenzo e da Trident Music (la sua agenzia dei live): Save The Children Italia, Croce Viola Milano, Flying Angels Foundation, Fondazione Mission Bambini, Associazione CAF, Alice For Children – Twins International, Fondazione Laureus Italia Onlus, Terre des Hommes, Airalzh Onlus, Ibiscus Onlus, CuraRE Onlus, ENPA e LAV.

 

Ovviamente l’ultima data, la festa di commiato è rientrata nei canoni del consueto show che Lorenzo ha portato in giro in questi (quasi) 5 mesi (leggi qui recensione del concerto di apertura tour). Poche variazioni in scaletta, nessuna novità o cambio per quanto riguarda scenografia, struttura e visual. Si sono raggiunte le tre ore di concerto, uno show di grande energia, con un protagonista inarrestabile, che nelle parti più ritmiche non si ferma un momento, salta, corre e “gioca con il pubblico” oltretutto in un torrido palazzetto.

 

In scaletta troviamo due addizioni ed una sottrazione/sostituzione.

La prima aggiunta è una sorpresa, un regalo per il pubblico milanese: un duetto Jovanotti/Ghali sulle note del fortunato “Cara Italia” scritta dal giovane rapper milanese (che sicuramente ha Jovanotti tra i suoi “influencer”). Il risultato è un’ovazione del pubblico ed un suggello tra passato e presente testimoniato da un lungo e caloroso abbraccio tra i due.

L’altra novità è l'inserimento di una ritmica versione di “Bella”. Infine i bis non si aprono con “Le Tasche Piene di Sassi” ma con un voce e chitarra di “Paura di Niente” un altro estratto dal nuovo disco. A parte la presenza di Ghali due piccole variazioni che non spostano certo l’equilibrio del concerto.

 

Ancora a distanza di oltre 60 show in questo tour Jovanotti riesce a fornire un’esibizione fresca e potente allo stesso tempo, un pugno di energia che mette in mostra un’invidiabile forma fisica ed un’incessante voglia di stare sul palco. Anche per questa coda vale tutto quanto scritto per la prima data del concerto. Jovanotti si muove tra ritmo e pop e nel primo da il meglio di se.

 

Un tour da ricordare a lungo che conferma quale sia la potenza comunicativa ed “attrattiva” del pubblico da parte del cantautore toscano.

 

Ora buon riposo Lorenzo: te lo sei meritato. Arrivederci

 

 

 

Please reload

Leggi anche i post collegati

Please reload