MUSICA DAL PALCO 

Dove la musica è solo dal vivo

CONDIVIDI IL POST CON I TUOI CONTATTI

Gov't Mule: un trascinante flusso chitarristico

20/05/2015

Gov't Mule

Live @ Alcatraz Milano

20 Maggio 2015

 

 

Serata di quelle da ritrovo di vecchi amici all'Alcatraz di Milano per il concerto della cult band dei Gov't Mule. Tante code bianche, parecchi occhiali da presbite inforcati per leggere il telefonino (a partire da chi scrive) ma fortunatamente anche la generazione successiva da il suo contributo a riempire il club (nella sua versione ridotta)

Gov't Mule, giusto per inquadrarli, nascono nel '94 come progetto collaterale alla Allman Bros Band formati dal chitarrista Warren Haynes e Allen Woody.

Alle 21 con grande puntualità il quartetto formato da Warren Haynes (voce e chitarra), Matt Abts (batteria e percussioni), Danny Louis (tastiere) e Jorgen Carlsson (basso) attacca il concerto. Pochi secondi e la cosa che subito colpisce è l'essenzialità del palco: innanzitutto niente schermi, presenza scenica ed impianto luci essenziali e nessun altro “orpello” scenografico che possa distrarre l'ascoltatore dalla musica che è (e resta) l'elemento cardine dello spettacolo e non potrebbe essere diversamente.

Una digressione psichedelico/rumoristica precede il primo vero brano che subito introduce l'atmosfera del concerto e lo stile della band.

Saranno due ore di lunghe cavalcate elettriche, entusiasmanti, coinvolgenti, accattivanti che catturano con il loro ritmo incalzante l'ascoltatore, che non viene travolto ma preso in braccio dal flusso della musica guidato dalla chitarra. Niente virtuosismi alla “Satriani” quanto piuttosto un continuo, unico assolo con una grande varietà e pulizia di esecuzione che dimostrano quale sia la bravura non “pirotecnica” di Haynes. A questo si aggiunge l'intreccio tra chitarra ed organo che allarga ed esalta ancor più il panorama sonoro della band. Inoltre la chitarra sa come arrivare al “sussurro” per poi tornare a rialzare la sua voce in maniera improvvisa e repentina.

E' impossibile stare fermi, non farsi coinvolgere da una pulsante e “metronomica” base ritmica con un basso caldo e presente ed una batteria essenziale quanto pulsante come un implacabile ed inarrestabile cuore vitale. Inappuntabili anche i cambi di ritmo anche se a volte in alcuni episodi alla lunga risultano un po' banali e scontati.

Il miglior aggettivo per il concerto è TRASCINANTE, con il suo lungo flusso chitarristico, una musica intrisa di blues e con citazioni più o meno divertite di Santana, Deep Purple tra gli altri ed una “cover” di Lively Up Yourself di Bob Marley. Il locale esplode invece quando Haynes attacca The Thrill Is Gone bellissimo e sentito omaggio a BB King.

Grandissimo show (oltre le due ore) per una band che dal vivo da il meglio di se.

Astenersi amanti pop e musica “sintetica” con i Gov't Mule tutto è sanguigno e sudato

 

Voto: 9,5

Please reload

Leggi anche i post collegati

Please reload